“Il Sistema” venezuelano – l’orchestra giovanile che cambia la vita –

Nel 1975 José Antonio Abreu cominciò a dedicarsi alla realizzazione del suo sogno: mettere in piedi un’orchestra in Venezuela. Insieme ad altri otto studenti fondò la Scuola di Musica José Ángel Lamas, che istituì un programma basato su nuove forme di apprendimento, adattando diverse metodologie didattiche alla realtà specifica del Paese. Questo progetto innovativo fece convergere giovani musicisti da tutto il Venezuela, specialmente dalle città di Maracay e Barquisimeto (assai note per l’ottima produzione musicale). L’orchestra si esibì per la prima volta il 30 aprile 1975. Oggi, trentatré anni dopo, sono centinaia i bambini che hanno fatto parte del gruppo orchestrale.

Modello esemplare del talento musicale, sociale e interculturale del Paese, il Fesnojiv (acronimo della fondazione per il Sistema Nacional de Orquestas Juvenilese Infantiles de Venezuela), altrimenti detto “Il Sistema”, è motivo di grande orgoglio per i venezuelani, perché dimostra come persone di origine diversa (c’è chi proviene da zone violente e poverissime) siano in grado di comprendere ed eseguire splendidamente opere di compositori di Paesi lontani. Questi giovani musicisti arricchiscono l’anima venezuelana, sempre in cerca delle proprie radici, oltre che la loro identità personale. I concerti sono emozionanti, le storie commoventi,  le commistioni e gli stili di grande effetto.

Gli attuali componenti dell’orchestra hanno esordito in gruppi musicali di quartiere per poi passare a orchestre provinciali o regionali. Fra di loro c’è chi ha alle spalle un vissuto di delinquenza giovanile, problemi di droga, furti, vita di strada. Per tutti loro, durante gli anni dell’adolescenza o della gioventù, “Il Sistema” è stato una vera occasione di cambiamento. Fra i musicisti più giovani ve ne sono di appena due anni, e l’età media nel gruppo non supera i ventidue. Il Sistema è sopravvissuto a tutti i problemi sociali, economici e politici che hanno colpito il Paese in questi ultimi trent’anni, e ha sempre ricevuto il sostegno dei governi in carica.

 

Il documentario Tocar y luchar (Suonare e Combattere) traccia la storia del progetto e di alcune delle persone che vi hanno preso parte.

Recentemente il fondatore del sistema Orquestas Juveniles del Venezuela, Jose Antonio Abreu, è stato nominato membro onorario della Royal Philharmonic Society britannica, mentre uno dei suoi ex-allievi, Gustavo Dudamel, ha ricevuto il premio come miglior giovane artista dell’anno. [Sono riconoscimenti che premiano la speranza, sottolineando il ruolo dell’arte nell’arricchire l’umanità].

 

IL PROGETTO ITALIANO. Nonostante una tradizione musicale eccelsa, l’Italia non riconosce espressamente la musica come elemento essenziale dell’educazione e risulta tra i Paesi europei più arretrati sotto il profilo dell’educazione musicale.
Inoltre, nel nostro Paese, a causa delle diverse riforme dell’organizzazione scolastica, la musica è sempre più marginale tra le materie di insegnamento, fino a non accompagnare più il processo di crescita dei giovani, mentre l’accesso alla formazione musicale professionale è riservato ad un numero ristretto di ragazzi attraverso i Conservatori. Gli investimenti pubblici in questo settore, soprattutto per gli aspetti educativi, sono praticamente inesistenti. Intanto, il disagio giovanile è un fenomeno in preoccupante crescita, soprattutto nei grandi centri urbani ed è stato ormai ampiamente verificato come un coinvolgimento in una fondamentale esperienza creativa e culturale possa costituire un momento di rivalsa e di crescita sociale.

didattica II.jpgPer tutte queste considerazioni, proprio dallo stimolo proveniente dall’emblematica esperienza del modello venezuelano è nata l’idea di dare inizio anche in Italia a una nuova stagione di rinnovamento sociale basato sulla fondamentale esperienza della musica.
Con il progetto italiano delle Orchestre e Cori giovanili si vuole, infatti, avviare un’azione di sistema volta a offrire a livello nazionale opportunità di accesso gratuito alla musica a un numero sempre maggiore di ragazzi.

Il 16 dicembre 2010  è nato il  Comitato Sistema delle Orchestre e dei Cori Infantili e Giovanili d’Italia  attraverso la costituzione di un Comitato Onlus guidato da Federculture e dalla Scuola di Musica di Fiesole, di cui sono presidenti onorari i maestri Claudio Abbado e José Antonio Abreu.

Nasceranno in ogni regione i “Nuclei”, ossia centri didattici distribuiti su tutto il territorio che, avvalendosi anche dell’esperienza di iniziative affini sviluppatesi autonomamente in Italia negli ultimi decenni, coinvolgeranno bambini di età compresa fra i 4 e i 14 anni nell’apprendimento della musica, secondo il metodo venezuelano di Abreu.

Il Comitato Sistema delle Orchestre e  dei Cori Infantili e Giovanili d’ Italia, basato sul valore di inclusione socio-culturale della musica, si pone l’obiettivo di emancipare bambini e ragazzi dal disagio, offrendo loro un’opportunità di riscatto sociale tramite l’accesso gratuito allo studio della musica.

ttp://www.federculture.it/index.php?pageid=122

 

“Se dai un pesce ad un uomo, si nutrirà una volta.
Se gli insegni a pescare, mangerà tutta la vita.
Se i tuoi progetti valgono un anno, semina il grano.
Se valgono cent’anni, istruisci le persone”.

Ciao.

One thought on ““Il Sistema” venezuelano – l’orchestra giovanile che cambia la vita –

  1. […] Aus einem Artikel von Angela vom 11. März 2011 “‘Il Sistema’ venezuelano – l’orchestra giovanile che cambia la vita” (Das venezolanische System – das Jugendorchester das das Leben […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...