Le cose che adoro

Se niente  rimanesse di me, questo Blog almeno farebbe conoscere le cose che ho amato e le idee in cui ho creduto.

 

Rinaldo è un’opera in tre atti di Georg Friedrich Händel su libretto di Giacomo Rossi basato su alcuni episodi tratti dalla Gerusalemme liberata di Torquato Tasso.

Almirena, l’amata di Rinaldo, è stata rapita dalla maga Armida e lamenta la prigionia con queste parole.
Almirena è una donna e il ruolo, nelle due versioni (1711 e 1731) fu affidato da Handel a un soprano femminile. Per castrati (quindi uomini d’aspetto ma cantanti in registro femminile) erano concepiti personaggi come quello dell’eroe Rinaldo, anche se Goffredo, per esempio, fu appannaggio di una donna en travestì. Nell’opera barocca la vocalità non cercava corrispondenza realistica e gli eroi cantavano in registro di contralto o soprano, sia grazie a uomini castrati sia con cantanti donne in abiti maschili (usanza che durerà, quest’ultima, fino al ‘900, soprattutto per personaggi di ragazzi) .

 
Lascia ch’io pianga
La cruda sorte
E che sospiri
La liberta!
Il duolo infranga
Queste ritorte
De’ miei martiri
Sol per pietà
 
 
Consigliato il film “Farinelli – Voce regina” 1995 del regista Gérard Corbiau che narra la vita del cantante Carlo Broschi in arte Farinelli (1705-1782).
 
 

Ciao.

 
 
 

2 thoughts on “Le cose che adoro

  1. un amico scrive:

    Scusami Angela, perchè solo oggi ho letto il tuo commento sul mio blog! (come dire… tempestiva vero?) Grazie per le tue parole, spero ripessarai, ci sono molte cose nuove.
    Il tuo blog è molto singolare, diverso da tutti gli altri che bazzico… lo intendo come un complimento!
    Allora… a presto!

  2. fabio(amico e collega di Luca) scrive:

    Ciao Angela,
    sono entrato nel tuo blog con molta curiosità e con un pò di pudore(non sono avvezzo a navigare nella rete a condividere l’altrui intimo sentire) ma l’intensità delle emozioni sincere e del sentimento che ci ho trovato mi ha fatto superare ogni più timida ritrosia.
    Brava Angela il tuo blog è bellissimo e ben fatto.Sicuramente ti continuerò a seguire e,ora che ho rotto il ghiaccio,anche(forse) a postarti (si dice così no?) qualche altro commento.Magari sul mitico Sergio Bonelli o magari sul fatto che delle belle persone come te sicuramente resterà una bellissima traccia. Parafrasando il titolo dell’ultimo bel libro di Benni direi “la traccia dell’Angela”.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...